CurioSicily – 5 cose da sapere su… le Isole Eolie

Le isole dell’isola. La terra di Sicilia è l’isola più grande del Mediterraneo, ma non è certamente l’unica. Numerosi sono gli arcipelaghi che compongono questo grande mosaico blu e tra questi è universalmente noto quello delle Isole Eolie, un meraviglioso arco di sette isole emerse che oggi compongono una trafficata località turistica riconosciuta in tutto il mondo. In questo appuntamento di CurioSicily conosceremo le cinque peculiarità che rendono le Isole Eolie uniche al mondo.

1 – Le Isole Eolie sono la dimora del Vento

Un’antica tradizione di origine greca vuole che le Isole Eolie siano la dimora di Eolo, mitologico dio del Vento. Eolo si sarebbe rifugiato a Lipari per realizzare “Eolia“, la propria casa, ed avrebbe deciso di conferire all’arcipelago il suo nome che oggi portano. Eolo, per volontà di Zeus, sarebbe stato capace di comandare i venti. Essi, ritenuti addirittura responsabili del distaccamento della Sicilia dal resto dell’Italia, obbedivano alle disposizioni di Eolo e venivano conservati all’interno di un’otre. Eolo, inoltre, sarebbe stato capace di prevedere in anticipo i cambiamenti climatici.

2 – Le Eolie sono isole vulcaniche

Tutte le sette isole che compongono l’arcipelago delle Isole Eolie sono di origine vulcanica. Gli isolotti, un tempo, facevano parte di un’intera catena di vulcani sottomarini emersi dalle acque in un periodo compreso tra i 700.000 e i 40.000 anni fa. Ad emergere furono in ordine Panarea, Filicudi, Alicudi, Salina, Lipari, Vulcano e Stromboli. Filicudi, ad esempio, costituisce la sommità di un vulcano ormai spento. Esiste poi il piccolo “scoglio” Strombolicchio, il territorio siciliano più settentrionale, ritenuto secondo una leggenda il “tappo” del cratere del vulcano di Stromboli espulso in mare durante un’eruzione.

3 – Nelle Isole Eolie si trova il porto più piccolo del mondo…

Noto è lo spirito di adattamento degli abitanti delle Isole Eolie, specialmente in quegli avamposti di terra meno agevoli. Ginostra, frazione del comune di Lipari, conserva un primato ad oggi imbattuto. Nel piccolo borgo è presente infatti il “Pirtuso” (ovvero “buco”), il porto più piccolo del mondo. Questo record è ufficialmente riconosciuto dal Guinness World Records.

4 – …e anche un rifugio per il gentil sesso

Il nome dice tutto: il Timpone delle Femmine è uno dei luoghi naturali più caratteristici dell’arcipelago. Ubicato sull’isola di Alicudi, questa particola grotta veniva utilizzata un tempo dalla popolazione locale per nascondere le donne in occasione delle razzìe commesse dai pirati saraceni provenienti dal mare.

5 – L’isola di Vulcano è “popolata” dai mostri

Niente paura, sulle Isole Eolie non è presente alcun essere inquietante. Esiste, tuttavia, una località denominata curiosamente Valle dei Mostri che sottolinea la forma singolare di alcune rocce che emergono sull’istmo di Vulcanello, promontorio dell’isola di Vulcano. Queste rocce, di chiara natura lavica, sono collocate in un contesto prevalentemente desolato e, a causa degli agenti atmosferici, hanno assunto un aspetto aspro e frastagliato che, con un pizzico di fantasia, pare richiamare quello di spaventose creature. Comunque sia, l’essere più “insidioso” che è possibile incrociare sull’isola è soltanto l’innocua lucertola campestre.

Anche questo appuntamento settimanale con CurioSicily termina qui. Vi invito a seguirmi anche mercoledì prossimo per scoprire insieme le curiosità che riguardano il nostro territorio. Potete inviare i vostri suggerimenti e segnalazioni tramite un commento o scrivendo una mail all’indirizzo curiosicily@gmail.com. Restate sempre aggiornati con Vivi Catania tramite i nostri canali social Facebook e Twitter.

Rubrica di Salvatore Rocca

Share Button

Lascia un commento