Emozioni in musica: Bianca e Fernando di Vincenzo Bellini

Bianca e Fernando è un’opera in due atti di Vincenzo Bellini su libretto di Domenico Gilardoni. Ambientata ad Agrigento tra il XIV e il XV secolo, fu rappresentata per la prima volta al Teatro San Carlo di Napoli il 30 maggio 1826.

Il primo atto si apre all’interno dell’atrio della reggia. Fernando, figlio del Duca di Agrigento, ormai adulto decide di ritornare nella terra natìa, con il proposito di vendicare il padre Carlo che crede morto. Filippo, infatti, nel frattempo ha usurpato il trono di Carlo (rinchiudendolo in carcere) e sedotto la figlia Bianca, vedova del Duca di Messina, la quale ha accettato di diventare sua moglie. Fernando torna in patria sotto mentite spoglie: è infatti Adolfo. Subito dopo essere arrivato, Adolfo offre i propri servigi a Filippo, comunicando la morte di Fernando. Filippo, appresa la notizia, non esita ad assoldare Adolfo pensando di affidargli il compito dell’uccisione di Carlo. Nel frattempo giunge Bianca la quale, non riconoscendo il fratello, inizia a sospettare di Adolfo. Al tempo stesso quest’ultimo si convince che la sorella sia complice dell’usurpatore.

Nel secondo atto Filippo ordina ad Adolfo di recarsi nelle prigioni al fine di uccidere Carlo. L’uomo scopre così che il genitore è ancora vivo. Nel frattempo però il fidato Clemente gli comunica che Bianca desidera vederlo. Giunto al colloquio con Bianca, Adolfo le rivela la propria identità informandola, inoltre, sulle trame di Filippo. A questo punto i due fratelli, seguiti dai compagni in armi di Adolfo, decidono di recarsi insieme alla prigione del padre per liberarlo. Filippo dal canto suo ha scoperto l’intento dei due fratelli: sopraggiungendo, minaccia di uccidere il piccolo Enrico (figlio di Bianca) se Fernando non si arrenderà. La pronta azione di Clemente, accorso per disarmarlo, e del popolo d’Agrigento, insorto acclamando il vecchio Duca, pongono fine alla tirannia di Filippo.

Articolo e foto di Cristina Spampinato

 

Share Button

Lascia un commento