Emozioni in musica: Fra Diavolo di Daniel Auber

Fra Diavolo è un’opera in tre atti di Daniel Auber su libretto di Eugène Scribe, andata in scena per la prima volta nel 1830 all’Opéra-Comique di Parigi.

Il primo atto si apre a Terracina. Zerlina, figlia dell’oste Matteo, è innamorata del giovane e povero brigadiere Lorenzo. Mentre il padre vorrebbe dare la figlia in sposa all’anziano possidente Francesco, Lorenzo parte alla ricerca del brigante Fra Diavolo il quale, giunto alla locanda travestito da marchese, deruba due viaggiatori inglesi (Lord Rocburg e Lady Pamela). Lorenzo però riesce a recuperare parte della refurtiva e viene ricompensato: questa sarà la somma da destinare alla dote dell’amata.

Tuttavia, mentre i due innamorati credeno di coronare a breve il loro sogno d’amore, nel corso del secondo atto Fra Diavolo è nuovamente intenzionato a derubare i viaggiatori e la giovane Zerlina: Giacomo e Beppo, due complici, lo aiuteranno durante la notte a portare a compimento il piano. L’arrivo di Lorenzo, convinto che i tre si trovino nella locanda, interrompe il piano e a questo punto Fra Diavolo, facendo credere al giovane di essere il marchese di San Marco, gli rivela di essere suo rivale in amore. A Lorenzo non resta che sfidarlo a duello, convinto del tradimento di Zerlina.

Quest’ultima nel terzo atto, di fronte al disprezzo di Lorenzo, accetta di sposare Francesco. Poco prima della celebrazione delle nozze però la giovane scopre il piano dei briganti: Giacomo e Beppo, infatti, ubriachi iniziano a cantare la canzone d’amore sentita intonare dalla giovane mentre erano intenti ad introdursi all’interno della sua stanza. Lorenzo insospettito li arresta; durante la perquisizione, trova un biglietto di Fra Diavolo che gli chiarisce ogni dubbio sulla vicenda. A questo punto i due briganti, ormai scoperti, accettano di tendere un tranello a Fra Diavolo il quale, scoperto a sua volta e catturato, lascia finalmente la scena al matrimonio tra i due innamorati Lorenzo e Zerlina.

Articolo e foto di Cristina Spampinato

 

Share Button

Lascia un commento