Emozioni in musica: L’occasione fa il ladro di Gioachino Rossini

L’occasione fa il ladro è una “burletta per musica” o “farsa” di Gioachino Rossini su libretto di Luigi Prividali. Tratto dalla fonte letteraria Le prétendu par hasard, ou L’occasion fait le larron di Eugène Scribe, fu rappresentata per la prima volta al Teatro Moisè di Venezia il 24 novembre 1812.

La vicenda, in un unico atto, è ricca di scambi di persona ed equivoci. Don Parmenione, insieme al servo Martino, e il conte Alberto, in viaggio verso la futura sposa Berenice che non conosce ancora, a causa di un temporale trovano riparo presso una locanda. Qui i due uomini stringono amicizia. Alberto, in particolare, racconta del suo matrimonio combinato e, una volta cessato il temporale, riprende il viaggio. Il servitore però per errore prende, invece della sua, la valigia di Parmenione. Quest’ultimo e Martino, dunque, approfittando dello scambio decidono di frugare all’interno della valigia: in essa è contenuto un ritratto di quella che credono essere Berenice.

A questo punto Parmenione decide di travestirsi e spacciarsi per il conte Alberto così da avere la possibilità di sposare la donna. Quest’ultima intanto, nonostante i dubbi dello zio Eusebio, decide a sua volta di mettere alla prova Alberto travestendosi da cameriera, mentre la cugina Ernestina, fuggita con l’amante ma abbandonata dall’uomo, vestirà i anni di Berenice. Parmenione e Martino giungono prima di Alberto ed Ernestina, presentatasi come Berenice, si innamora ricambiata del presunto Alberto, nonostante i dubbi di Martino che intuisce come la donna in realtà non sia quella raffigurata nel ritratto.

Subito dopo arriva Alberto: l’uomo si innamora a prima vista di Berenice la quale si presenta come cameriera. La situazione si complica all’arrivo dello zio Eusebio. Chiedendo di conoscere il futuro sposo, infatti, le due ragazze presentano ben due conti. Alberto accusa Parmenione di essere un impostore ma viene cacciato perchè l’uomo è in possesso del contratto di matrimonio; Ernestina e Berenice però, credono alle parole del vero Alberto. La futura sposa decide quindi di mettere alla prova Parmenione, facendogli un vero e proprio interrogatorio sulla sua condizione familiare che la donna conosce grazie alle lettere scambiate con Alberto. Parmenione, come prevedibile, sbaglia ogni risposta mentre nel frattempo anche Martino viene interrogato sulle abitudini del suo padrone.

Il conte Alberto decide a questo punto di risolvere la situazione sfidando a duello il rivale ma Berenice blocca lo scontro invitando i due uomini a raccontare la verità. Parmenione rivela di aver preso il posto di Alberto e di essere innamorato di Ernestina, la quale concede all’uomo la mano dopo aver scoperto come fosse sulle sue tracce inviato dal fratello della giovane dopo l’abbandono dell’amante, mentre Alberto rinnova le promesse d’amore nei confronti di Berenice.

Chi è dunque la donna misteriosa del ritratto? Ella è la sorella di Alberto il cui ritratto era un regalo di nozze alla sposa Berenice. Chiarito ogni dubbio, la vicenda si conclude con il matrimonio delle due coppie.

Articolo e foto di Cristina Spampinato

 

Share Button

Lascia un commento